I. T. A. C. Scarabelli - Ghini Istituto Tecnico Agrario e Chimico

Via Ascari 15, 40026 - Imola
bota03000d@istruzione.it - bota03000d@pec.istruzione.it
Tel 0542 658611, fax 0542 24832
Codice Meccanografico: BOTA03000D
Codice Fiscale: 90049430375
Auguri per una Pasqua a distanza

Sono arrivate anche le vacanze di Pasqua e ci colgono ancora con le misure da contenimento epidemiologico in atto, che significano tanto per tutti, ma per noi, ragazze e ragazzi, donne e uomini di scuola, significano che le nostre amate (adesso sì, veramente da tutti) aule ci sono precluse.

La scuola c'è e continua: didattica a distanza, videolezioni, chat, verifiche, webcam e piattaforme, l'impegno e lo sforzo di docenti e studenti è enorme, il lavoro, noi lo sappiamo, è maggiore di quello necessario per le lezioni tradizionali, ma ora la didattica a distanza non è una scelta, è una necessità, comunque noi ci siamo e voi ci siete e questo è straordinariamente importante.

A tutte le persone che ruotano intorno alle nostre scuole a vario titolo, spero arrivino i miei auguri di Buona Pasqua: non perdiamo l'abitudine di farci gli auguri, di sentirci, di sostenerci, in questo momento ne abbiamo bisogno più che mai e forse abbiamo bisogno anche di riflessioni come quella che vi propongo sotto, perché ora non si fa altro che parlare di epidemia, Coronavirus, lockdown e, ahimè, a volte anche di guerra, ma non siamo in guerra e le parole dello scrittore piemontese Paolo Calvino, che riporto sotto con il permesso dell'autore, ce lo ricordano efficacemente, come ci ricordano che la scelta dei termini da utilizzare è una scelta importante, non neutra, le parole sono pietre, diceva qualcuno (Carlo Levi), quindi scegliamole bene.

" [...] Ora sento politici e giornalisti di ogni livello dichiarare, rispetto alla pandemia, che “siamo in guerra” e ogni descrizione di avvenimenti è punteggiata di fronti, trincee e prime linee. [...]

Questo linguaggio mi preoccupa, perché implica che la guerra sia ancora vista come qualcosa di eroico, una modalità superiore di vita. Mi preoccupa che in un momento tragico si vadano a prendere le parole nel mondo della guerra, un mondo dove non dovremmo viaggiare mai, neanche a parole.

Questo linguaggio mi mette a disagio, perché è falso. Non è la guerra che spinge alla generosità. Non è il linguaggio o l'immaginario bellicista che motiva i medici, gli infermieri, i volontari e tutte le altre splendide persone che in queste settimane danno il meglio di sé nello sforzo per limitare i danni causati dalla pandemia. Non è la guerra, è l'amore. È l'amore che ci muove verso gli altri.

Ci vogliono degli sforzi, certo, ma, diciamolo, perché siamo innamorati. Di noi stessi, di altre persone, dell'umanità intera, della vita, della pace. [...]

Questo vorrei sentire dai presidenti e dai giornalisti (almeno da quelli europei): siamo innamorati, diamoci da fare."

(Paolo Calvino, https://paolocalvino.blogspot.com/2020/04/in-guerra-non-andare-neanche-parole.html)

Buona Pasqua, lontani ma vicini.

Gian Maria Ghetti, Dirigente Scolastico

Pubblicata il 10 aprile 2020

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.